Benvenuti in Studio Tartaraku ********************************* Laboratorio di Ceramica Artistica

--------------------------------------------------------------------------------------------------- --di----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- - -C laio di Cipolletti--------------------------------------------------------------------------------------------------

Claudio Cipolletti

Claudio Cipolletti è nato a Grottolella (AV) nel 1965. Diplomato in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; Allievo dello scultore Augusto Perez; Ha conseguito la Maturità d'Arte Applicata in Ceramica presso l'Istituto Statale d'Arte di Avellino; Allievo dello scultore Giovanni Di Nenna e della ceramista Gabriella Rivalta; Abilitato all’insegnamento di Educazione Artistica" e "Disegno e Storia dell'Arte"; Ha insegnato in diversi Istituti della provincia di Bolzano; Ha collaborato con diversi artisti e tecnici di fama internazionale; Ha partecipando con le proprie opere a diverse manifestazioni nazionali ed internazionali; Ha conseguito premi in diversi concorsi e mostre; Da diversi anni opera nel settore privato e pubblico realizzando corsi di formazione e specializzazione nel settore della Ceramica; Attualmente vive ed opera a Grottolella (AV).

martedì 5 ottobre 2010

Installazione Faenza 04.09.2010 - Titolo "2012"



2 commenti:

pleiady ha detto...

Complimenti per l'installazione, sarebbe bello leggere una mini recensione, sul significato dell'opera e sulle tecniche utilizzate.
Buon lavoro e complimenti per il blog!

Studio Tartaraku ha detto...

Ciao Serena, piacere di conoscerti.
L'installazione, che si intitola "2012", tratta un tema di attualità cioè quello della fine del mondo pronosticata (così si dice) dal calendario Maya. L'opera fotografa, così come l'ho immaginato, l'impatto di un meteorite sulla terra, con le sfere che rappresentano l'universo (e quindi l'ignoto) e la piramide (simbolo di immortalità) che rappresenta il nostro pianeta.
La visione della vicenda è chiaramente di tipo apotropaico, la piramide che si scompone (come il meteorite) ma non cede vuole auspicare che il pianeta è pronto a sopportare una eventualità del genere. Le tecniche utilizzate sono il raku (per la piramide e la sfera rame) ed il naked raku. grazie per i complimenti e a presto.